Blog

Zunico CasaSenza categoriaIl mercato immobiliare

Il mercato immobiliare

06 Apr
Zunico Casa 6 Aprile 2018 0

Il mercato, dopo le ultime analisi di scenario, ha appreso con piacere i segnali di risalita provenienti dal settore  immobiliare europeo, dopo dieci anni di crisi. In tutte le divisioni aumentano gli scambi e anche le quotazioni salgono più dell’inflazione, si legge nell’European Outlook 2018, presentato a Milano da Scenari Immobiliari.

Il presidente del gruppo Mario Breglia asserisce che anche in Italia la crisi è finita, ma la ripresa sembra più delicata, a causa delle debolezze strutturali insite nel nostro Paese. Inoltre afferma che gli spazi di crescita del mercato immobiliare italiano sono notevoli nel settore residenziale e nel terziario innovativo ( come il co-working).  Secondo il report rilasciato nel 2017 il fatturato crescerà del 6%, con il residenziale che vale circa l’81% del giro di affari!


 

Il presidente del gruppo Mario Breglia asserisce che anche in Italia la crisi è finita, ma la ripresa sembra più delicata, a causa delle debolezze strutturali insite nel nostro Paese.

Inoltre afferma che gli spazi di crescita del mercato immobiliare italiano sono notevoli nel settore residenziale e nel terziario innovativo ( come il co-working). Secondo il report rilasciato nel 2017 il fatturato crescerà del 6%, con il residenziale che vale circa l’81% del giro di affari! Rincuoranti sono i numeri presentati da «Scenari Immobiliari»; secondo le considerazioni dell’istituto di ricerca il fatturato immobiliare italiano nel 2017 si affermerà a quasi 119 miliardi di euro, con un incremento del 4% sul 2016; la prospettiva per il 2018 è di un’ulteriore crescita del 6,2%, con un giro di affari che arriverà a toccare i 126 miliardi.


Tutti le divisioni sono viste in crescita, anche se le performance migliori sono ad appannaggio di un settore relativamente piccolo come quello alberghiero, in crescita di oltre il 10% quest’anno e di oltre il 15% nel 2018.Il residenziale, settore di riferimento di Zunico Casa, risulta essere il mercato più vantaggioso: il mercato delle prime case vale 88,7 miliardi di euro, a cui andrebbero aggiunti altri 3,4 miliardi per il mercato della seconda casa nelle località turistiche e 4,3 miliardi per box e posti auto, che in gran parte sono in riferimento alle abitazioni. Significa che in totale il residenziale disegna oltre l’81% del giro d’affari del mattone italiano, una quota che non ha riscontro in Europa.
La regola regina per acquisire oggi una casa, è seguire la qualità, dell’immobile e della location, soprattutto se si tratta di un acquisto ai fini di investimento. Nelle diverse città, secondo gli esperti di mercato, ci sono zone calde e zone fredde. È nelle prime che il mercato è vivace, in genere zone centrali, ben servite, ambite dai giovani, dagli studenti e da chi viene in città per fare il turista per qualche giorno.

Leave a Comment

Social

Visit Us On FacebookVisit Us On Twitter

Newsletter

Login

6 più caratteri, lettere e numeri

6 più caratteri, lettere e numeri

6 o più caratteri, lettere e numeri Deve contener ameno un numero.

The two passwords don't match.

Invaild email address.

Seleziona la tipologia di account

Hai già un account?